“Rien n’est jamais finì pour toujours”

Qualche giorno fa ho ricevuto un messaggio di un amico: mi mostrava la scritta che aveva fatto incidere su una fedina.

“Rien n’est jamais finì pour toujours”
“Niente è mai finito per sempre”

Sono giorni che questa frase vaga per la mia mente.
Viaggia silenziosa, facendosi spazio tra i pensieri.

La cosa che mi dà da riflettere è che siamo abituati a sentir dire “nulla dura per sempre”.
Intraprendiamo progetti e speranzosi ci incamminiamo su vie sconosciute;
sondiamo e scopriamo, viviamo senza sapere cosa ci aspetta, ma con la atavica consapevolezza che le cose cambiano in itinere
…o, più semplicemente, si evolvono.
Come se fossimo programmati ad affrontare impavidi ciò che non conosciamo.
Avanziamo senza sapere cosa ci attende, eppure sappiamo che le cose sono destinate a terminare, prima o poi.
Ma, ecco, non avevo mai preso in considerazione il lato opposto della medaglia.
E così cambia prospettiva, si ribalta la solida consapevolezza della naturale scadenza di ciò che ci circonda.

black-black-and-white-cute-feeling-forgotten-Favim.com-361721Rimugino, guido e penso.
Guido e ascolto un cd che gira ininterrottamente.
E intanto macino pensieri su pensieri.
E se fosse vero che “niente è mai finito per sempre”?
Mi immagino sarta, intenta a intrecciare rapporti e a cucire attimi di vita con fili colorati:
fili che poi si rompono, magari perchè troppo fragili, oppure finiscono, perchè si esauriscono i rocchetti…
tuttavia, rimangono – seppur penzolanti – residui superstiti.
Ricordi di fili che un tempo danzavano insieme per ottenere una qualche composizione creativa,
ora rimangono inerti, nel punto in cui si sono interrotti.

Chè certe cuciture sono dure a morire, non le togli nemmeno se ti impegni. E, in ogni caso, ne rimarrebbero le tracce.
Allora sì, è vero che nulla finisce per sempre.
Che ci portiamo nel cuore il retaggio delle esperienze vissute, resti di persone che abbiamo incrociato per un periodo, più o meno limitato, della nostra vita.
Anime di cui abbiamo respirato l’essenza e con le quali abbiamo condiviso un pezzo del nostro cammino.

Gioco al punto croce, osservo il mio disegno imperfetto e incompleto.
E… Penso che ti penso.

Francesca

Annunci

2 pensieri su ““Rien n’est jamais finì pour toujours”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...