BRILLO-BOX pt.2

Sono troppo convinta che la vita sia bella
anche quando è brutta che nascere sia il miracolo dei miracoli, vivere: il regalo dei regali.
Anche se si tratta d’un regalo molto complicato, molto faticoso, a volte doloroso.
(Oriana Fallaci)

E va bene, lo ammetto. Sto trascorrendo un periodo piuttosto complicato, ma non voglio assolutamente che questo mi ostacoli. Non voglio che le difficoltà mi impediscano di tenere occhi aperti e ricettivi agli istanti brillanti e speciali che si manifestano, spettacolari, nel quotidiano.
Così, incurante di tutto, ho fatto incetta di altri momenti scintillanti e luminosi da raccogliere nella mia BB.

Non basta guardare,
occorre guardare con occhi che vogliono vedere,
che credono in quello che vedono.
(Galileo Galilei)

La settimana scorsa, mentre ero in aeroporto sono stata catturata dall’angolo del bar, affollatissimo. La gente si accalcava al bancone per far colazione ed erano tutti, indistintamente, indaffarati ad affondare i denti nelle loro brioches e a far tintinnare il cucchiaino dentro la tazzina di espresso. Sono rimasta incantata dai rapidi movimenti delle persone, che si mescolavano in una strana coreografia mattiniera. Occhi, mani e bocche in moto.
Ho provato ad osservare le espressioni dei ragazzi del bar, assonnati ma dinamici, sgambettavano dietro al bancone, tra la macchina del caffè coperta da una vaga nuvola di vapore, e la vetrina in cui erano esposti cornetti e pastine.
È bello, perché siamo tutti così diversi eppure così dannatamente uguali nei nostri rituali.
E allora mi è sfuggito un sorriso, per essere riuscita a fare mia una scena tanto semplice ma per nulla banale.

Coltivare gli affetti:
ritagliarmi mezzo pomeriggio da trascorrere in compagnia di mia sorella e mia madre,
per fare qualcosa di speciale. Insieme.
Visitare l’ultima mostra in esposizione, venerdì pomeriggio che sanno di domeniche autunnali.
Per una persona emotiva come me, non c’è niente di meglio che vivere un’esperienza culturale così coinvolgente per staccare dai pensieri.
Mi sono sintonizzata unicamente sulle mie sensazioni e, mentre percorrevo le sale, mi sono lasciata cullare dalle emozioni suscitate dall’arte, in una sorta di catarsi interiore.
È semplicemente questa la vera meraviglia: ore che scivolano rapide e che accarezzano il cuore. Ché riempirsi gli occhi di emozionante bellezza, accanto alle persone alle quali si vuole bene, non può che essere panacea per l’anima.

E ancora: lasciarsi il museo alle spalle e camminare per le strade ormai buie del centro, noi tre, insieme. Respirare il profumo di caldarroste e fermarsi a contemplare il fuoco che scoppietta, bruciando lieve nell’aria.

Preparare sorprese di compleanno mettendoci il cuore. Ricamare ghirlande di carta e improvvisare golosissimi dolci al cioccolato, i cui ingredienti segreti sono amore e buon umore.
Dare vita alla cucina a notte fonda ridendo così tanto da farsi venire il mal di pancia. Disperarsi, senza fiato e con le lacrime agli occhi, se la torta assume una strana pendenza, vagamente pisana. Ma con la giusta dose di intraprendenza e coraggio, abbiamo modellato il dolce restituendogli il giusto equilibrio. Recuperandone il baricentro biscottoso.
Svegliarsi presto il mattino dopo e correre per strada con la torta a mezz’aria e la ghirlanda svolazzante.
Essere guardate con un sorriso curioso, e quasi complice, dagli automobilisti. Guadagnarci la precedenza per simpatia, mentre saltellavamo da una sponda all’altra della strada.
Citofonare e salire le scale esultanti e in fibrillazione, terminando la corsa in un abbraccio contenente tutto l’affetto che possiamo.
Istanti preziosi di vita.

Assaporare il primo mandarino della stagione e tenere le mani appiccicose per un po’, giusto il tempo di godere del profumo dolce e aspro.

C’è un mago in ognuno di noi, che vede e conosce tutto,
Cercalo, e trovalo: questo e’ lo scopo della tua vita.
Osserva il mondo con innocenza, come un bambino,
perché è l’unico modo grazie al quale il mondo ha vita.
I tuoi occhi danno vita a tutto ciò che vedono.
(Deepak Chopra)

Continuate a far tesoro di scintillanti attimi di vita,

a presto!

Francesca

Annunci

6 pensieri su “BRILLO-BOX pt.2

  1. Che belle parole e che belle sensazioni che mi hai regalato!
    I momenti un po’ così è complicati passano e ci fanno diventare grandi, gli attimi sbirluccicosi e pieni di gioia restano nel cuore e ci fanno sentire vivi.
    un abbraccio
    la effe (lafenicerinascedase)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...