#laletteradiNatale

PicsArt_12-16-07.44.51.jpg

Ieri, passeggiando tra i negozi del centro, ho intravisto in una vetrina illuminata da lucine a intermittenza una cosa che mi ha incuriosita moltissimo. Nulla di particolarmente costoso o appariscente. No, no. Una cosa semplicissima, che però mi ha dato modo di riflettere.

La scrittura è uno strumento meraviglioso e potente, che ci consente di sognare. A volte richiedere una paziente elaborazione di pensieri e sentimenti; altre volte aumenta il proprio valore per la spontaneità e la purezza delle emozioni che le affidiamo.
Così, pensavo, perché non provare ad usarla per vivere, e trasmettere, un pizzico di questa magia?
Per esempio, potremmo usarla per scrivere una lettera. Più nello specifico, la lettera di Natale, da indirizzare a chiunque il nostro cuore senta maggior necessità di rivolgersi. A chi conosciamo, ma anche no. A chi c’è o a chi non fa più parte della nostra quotidianità.
A Babbo Natale, a noi stessi, all’Universo.
Ciò che conta davvero sarà lasciarsi guidare dalle sensazioni: in fondo, saranno loro le vere protagoniste della lettera. Inoltre sarebbe magnifico che, chi vi leggerà, possa sentire il profumo del Natale. Quello che per voi è Natale.
Pronti a prendere carta e penna?

Cara Buona Stella,
mi rivolgo a Te, che tra tutte sei la più splendente e bella. Tu, che sai sempre leggere i desideri, le paure, i sogni veri.
Quest’anno sono stata viaggiatrice avventurosa, entusiasta e coraggiosa. Ho atteso treni, obliterato biglietti e macinato chilometri.
Ho camminato come un’equilibrista lungo una corda tesa a strapiombo sulle mie emozioni.
Ho fatto miei scenari incredibilmente belli, respirato albe e tramonti nella loro purezza e assorbito i colori che ho avuto la fortuna di vedere.
Ho intrapreso strade, affrontato bivi, preso decisioni. A volte anche cambiando direzione durante la corsa.
Nello zaino che porto sulle spalle ho messo via ricordi, pensieri, abbracci, sorrisi, lacrime, suoni, odori. Ho gioito per piccole o grandi conquiste. Ma ho anche pianto. È capitato innumerevoli volte: quando mi sono sentita impotente o troppo piccola. Ininfluente o incapace. Mi sono commossa. Ho gridato, sussurrato, cantato e ballato fino a non aver più fiato.
Ma, in tutto questo, non ho rimpianti, perché ho scelto di scegliere.

La mia lettera di Natale la rivolgo a te, mia cara Buona Stella, che tu possa sempre i l l u m i n a r e il mio cammino.
Grazie per quanto continui a donarmi, con generosità.
Grazie per la creatività che lasci scorrere nelle mie vene.
Grazie per il senso critico e la passione.
Grazie per ogni singola lezione di vita.
Perché tu possa ancora leggermi l’anima, sostenermi. G U I D A R M I.
Buon Natale!

Francesca

Annunci

5 pensieri su “#laletteradiNatale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...