Marzo in città

42ce7227-ff59-47c4-a884-1ced88117d90

Una passeggiata a fine giornata, per respirare. Per pensare, un passo alla volta.
Cammino con la leggerezza di chi è colmo di speranza, e mi perdo in frammenti di quotidianità totalmente sconosciute. Sbircio espressioni sui volti e strappo riflessi luccicanti dagli occhi dei passanti.
Un tramonto dorato si riversa morbido sui tetti, infiltrandosi liquido tra i rami carichi di germogli. Gli alberi sembrano pennelli con le setole “sporche” di colore.

Tra tutte le persone che camminano – corrono – chiacchierano, oltre le bici appoggiate alle statue e il brillio del carosello di Prato della Valle, rimango rapita dalla spontaneità con la quale quattro amici giocano a pallavolo. Lanciano il pallone arancione sopra le loro teste, lo intercettano e lo lasciano rimbalzare. Faccio mia questa immagine al sapore di un’adolescenza passata e la incastono nel cuore.

Processed with VSCO with acg preset

Mi incammino verso il centro. Mi sfreccia davanti il tram, mille occhi stanno rincasando.
E ancora: coni gelato, berretti colorati, calici di aperitivi. Eco di chiacchiere si alzano dai tavolini sotto i portici. Ventiquattrore consumate e vecchi Eastpack. Ticchettii di tacchi impettiti; sneackers svogliate e placide. Volti distesi, alcuni rugosi. Sorrisi.
Genitori con trottoline al seguito e sacchetti che dondolano appesi su avambracci lesti.
La sera che scende.

Passo rapidamente di fronte al Caffè Pedrocchi e, involontariamente,
mi ritrovo spettatrice di una scena dolcissima.
Un ragazzo è seduto sui gradini dirimpetto a Zara. Indossa uno sguardo d’attesa. Poco dopo, dal negozio esce una ragazza. Si guardano, sorridendosi. Mi concentro di nuovo sul suo sguardo e lo vedo cambiare espressione. Gli occhi si sciolgono, felici. Lei gli si avvicina, si china accanto a lui, e gli stampa un bacio tenerissimo. Il paradiso all’improvviso.

Si espande il cielo profondo. Un telo blu oltremare, nel quale galleggia la Luna.
Squillante e Serena. Fedele. Magnetica.
Instancabilmente pronta a ricordarmi che domani sarà un altro giorno.
mi aspetta un altro bastimento carico di vita.
E di emozioni da assaporare.

Francesca

Annunci

6 pensieri su “Marzo in città

  1. Che bello e che strano leggerti…che bello, per la dolcezza e la sensibilità con cui osservi il fuori (che, sono sicura, racconti del dentro molto più di tante parole). Che strano, leggerti in quelle che sono anche le mie strade, i posti della mia quotidianità! E’ stato come “vederti”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...