Come denti di leone

“Alzatevi e non temete” (Matteo 17, 1-9)

Dovremmo imparare la saggezza dei denti di leone, che rappresentano “la promessa di una vita che continua” nonostante le quotidiane perdite che subiamo. 

Accade ogni anno. Quando scorgo la natura risvegliarsi dal torpore del sonno invernale mi lascio cogliere da un moto di meraviglia e stupore. È un ciclo continuo, inarrestabile, eppure riesce sempre a sorprendermi. Il sole accarezza gli alberi spogli, la clorofilla riprende il proprio flusso e in men che non si dica ecco che piccoli ma coraggiosi boccioli rivestono i rami. È una festa di colori e profumi, una rinascita che merita di essere celebrata con occhi colmi di gioia e gratitudine.Se prestassimo un po’ più di attenzione, ci accorgeremmo che, come ogni primavera, il miracolo si compie quotidianamente anche in noi. Siamo un agglomerato di storie e, se solo ce ne concedessimo l’opportunità, potremmo godere di infinite possibilità. Quante relazioni sfumate in un battito di ciglia, quante occasioni perse perché non colte al volo… Troppo spesso accade che, immersi in un problema, ce ne lasciamo completamente travolgere, fino ad annullare la percezione di tutto ciò che ci circonda. Diventiamo ciechi ed insensibili, ci raffreddiamo, perdiamo momentaneamente la capacità di vibrare all’unisono con la vita. Ci sono momenti in cui abbiamo l’impressione che non vi sia soluzione ai nostri patimenti, che ogni sforzo sia vano, che lottare diventi insignificante. Quanto siamo ingenui! Quanto ci sbagliamo!

Tutte le volte che le cose non vanno come vorremmo noi,tutte le volte che non riusciamo a raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo o, più banalmente,quando i nostri progetti mutano in itinere, a causa delle contingenze, ci sentiamo piccoli e ci sembra di peccare di incapacità e inettitudine. Ci sentiamo frustrati perché temiamo l’imprevisto, temiamo il cambiamento. Ogni qualvolta avvertiamo di essere al tramonto di un’esperienza sentiamo salire un senso di angoscia misto ad oppressione, perché temiamo l’ignoto che avanza. Siamo spaventati da tutto ciò che non conosciamo, ma con questo atteggiamento non saremo mai in grado di cogliere la ventata di novità di cui il cambiamento è intrinsecamente foriero. Ci sentiamo annaspare in una nube di nebbia, quando invece dovremmo avere più fiducia e lasciarci cullare da questa nube che può diventare bambagia luminosa. 

Con un po’ di umiltà e buona volontà, dovremmo imparare la leggerezza dell’“adesso”. L’organizzazione e la lungimiranza sono doti importantissime, non c’è dubbio, eppure dovremmo cercare di trovare il giusto equilibrio. E smettere di cercare di controllare tutto, di incasellare e inscatolare ogni esperienza. Questa assurda ed estenuante pratica tassonomica, nel vano tentativo di conservare qualcosa che ci ha reso felici o ci ha fatto sentire temporaneamente al sicuro, ci conduce ad un’aridità di fondo: perdiamo il costante fluire degli attimi. Quante opportunità perse ponderando troppo a lungo i pro e i contro. Quanti calcoli inutili, quante sterili previsioni. Pretendiamo di “congelare” momenti vissuti che reputiamo pressoché “perfetti”, senza capire che la vita è più forte di noi, di qualsiasi nostra intenzione o premeditazione. Dovremmo imparare la saggezza dei denti di leone, che rappresentano “la promessa di una vita che continua” nonostante le quotidiane perdite che subiamo. 

Dimentichiamo troppo spesso che per ogni fine c’è un nuovo inizio pronto a venirci incontro. Quando una fase finisce dovremmo emozionarci, dovremmo avvertire uno stimolante pizzicorio al cuore, per le innumerevoli esperienze che ci possono condurre ancora una volta in una progressiva crescita e conoscenza di noi stessi, delle nostre risorse. Indipendentemente da come vadano le cose, che siamo reduci da un successo o vittime di una delusione dovremmo sempre alzarci, guardarci intorno e non temere. Alzarci ancora una volta, aver fiducia e credere fervidamente nella magia nascosta dietro l’angolo.

Annunci

SPRING IS COMING!

It’sdb685a358ead08affc214f8e4b670bd1baby!

SPRING IS COMIIING!!!

Finalmente la primavera è alle porte! Mancano esattamente 10 giorni all’equinozio e già osservo incantata le giornate allungarsi, facendosi più miti e luminose.
Cammino col naso all’insù, scruto l’infinito del cielo e gioco ad interpretare le forme delle nuvole.
Ieri sera, rincasavo, ed una distesa di nubi rosa – morbide e leggiadre – si distendeva nell’immensità del cielo al tramonto.
Ho pensato che ogni giorno la bellezza fa capolino nella nostra vita per ricordarci quanto tutto possa essere meraviglioso, basta saper osservare, andare oltre l’apparenza, fin dentro alla vera essenza delle cose.

Nel pieno dell’entusiasmo primaverile ho pensato di creare una sorta di “spring mood board”, per condividere qualche spunto carino e coccoloso.

Primavera fa rima con floreale, inutile dirlo.

Floreale? In primavera? Avanguardia pura.

E… sì! Non ci posso fare niente se adoro i mille colori dei fiori che tingono aiuole e prati.
Per non parlare dei vivai, dove adoro andare solo per passeggiare
in mezzo a distese di corolle multi-color dal profumo inebriante.

3f0ee79179d94324b6ab0b3be9a364af cd588e1abcf53e717c0e25a2fa2cd79e

Prendete delle bottigliette di vetro (quelle della Coca-Cola andranno benissimo) e altri barattoli, magari decorateli con dei nastrini o fili di rafia attorno al collo, e riempiteli di fiori. Margheritine, camelie o narcisi… ogni tanto faccio una capatina in giardino e compongo mazzolini da disporre in casa.

Marzo è il mese in cui l’aria si fa più mite e si può ricominciare a scorrazzare in bici. Ecco io mi immagino più o meno così

276140d0bb86a816285dbdb3bfd40d1e fabd504cf61a6a363425b97bd91a8e02

Vento sul viso, incorniciato da una bel paio di occhiali da sole e capelli raccolti – che fanno molto messy chic.
A proposito ho trovato delle pettinature davvero chiccosissime e raffinate

0072d594766d022ba48d2ba6581e5ab8 7881c339534a0ab627ab097de1274279

La primavera, poi, mi fa pensare a scorpacciate di fragole e deliziosi cupcakes.

c59d050ccc6f98eec769eeff46083d4b 453ccd78319962e55a8660afd254d83e

Le belle giornate e il sole che si fa più caldo sembrano un invito a nozze per un pic nic sul prato, magari per consumare una pausa pranzo diversa dal solito

f5722c85bc06a208e44472593319dbd7 03f1560b641fd2889628936e44df91c5

Durante un break di questo tipo si può trovare il tempo per leggere un buon libro e rigenerare spirito e anima… e perché no, magari, fare anche un giro in altalena, sfiorando il cielo con la punta dei piedi.

0c344826413d4428500ac030a82a418b 32e0a6321d2fda76bc82387e6a3cf522 ae6c91a6f6b0bc2ae01531ca5faf19d3

Primavera,
un ottimo pretesto per indossare vestiti dai delicati colori pastello e sorrisi a profusione

6a40e3db7a5be40f5ff8783d3f7153e0 67ed20af5b78c19006b1da36637d840d dca04b7d8befb7084903f196d424f571

Nella speranza di avervi contagiate col mio entusiasmo marzolino,
vi regalo un sorriso.

A presto,

Francesca